Fasciatoio

In Bambini
6 febbraio, 2014

Il fasciatoio è un accessorio molto utile per cambiare il proprio bimbo in maniera comoda e veloce. Gli ultimi modelli creati sono leggeri e maneggevoli, quindi ideali per essere trasportati ovunque. Vediamo quali sono le tipologie e le marche in commercio, tra le quali scegliere quella più consona alle proprie esigenze.

Fasciatoio

Caratteristiche

Esistono varie tipologie di fasciatoio. In genere questo accessorio è costituito da un mobile sulla cui superficie è possibile appoggiare il bambino per poterlo cambiare comodamente.

Alcuni modelli hanno anche dei cassetti (nei quali riporre gli indumenti e gli accessori del piccolo), e sono dotati di vaschetta anatomica da utilizzare per fare il bagnetto. Solitamente questo accessorio viene sistemato nel bagno, dove solitamente si lava e si veste il neonato. Il fasciatoio consente di evitare problemi alla schiena della mamma, che sarebbero inevitabili se invece si cambiasse il bambino altrove, per esempio sul letto. Funge anche da recipiente per il bagnetto, si sposta facilmente da una parte all’altra grazie alle rotelle, che al momento opportuno possono anche essere bloccate.

Oggi la maggior parte dei fasciatoi sono “portatili”, quindi leggeri e maneggevoli da spostare, ideali da portare in vacanza o durante gli spostamenti. Alcuni sono abbastanza economici, perché costituiti da un semplice materassino di spugna. Ci sono anche quelli in plastica, da gonfiare e sgonfiare a seconda delle necessità. Questi fasciatoi – come quasi tutti – dispongono di alcune tasche laterali per poterci mettere tutto quello che serve al bambino: pannolini, creme, fazzolettini, olio detergente, spugnette.

Per le mamme pratiche e dinamiche è in vendita un accessorio veramente utile: la borsa. Si tratta di una borsa grande e capiente, nella quale inserire tutto l’occorrente per il bimbo, e che all’occorrenza si apre e diventa un comodo e pratico fasciatoio! La trovate in vendita presso le farmacie, e spesso viene inserita come gadget all’interno di riviste specializzate per le donne. Mi raccomando a valutare che il fasciatoio sia dotato di sponde laterali, che sono importanti soprattutto quando il bimbo comincia a muoversi troppo durante il cambio del pannolino.

Inoltre il prodotto dovrebbe essere dotato di una superficie imbottita sulla quale il piccolo può poggiare comodamente la testa.

Quale scegliere

La scelta del fasciatoio dipende da una serie di fattori, tra cui il più importante è lo spazio che si ha a disposizione. Se si opta per uno completo di cassettiera e vaschetta, allora questo diventerà un vero e proprio mobile da sistemare nel bagno. Altrimenti, se il bagno non è abbastanza grande, meglio sceglierne uno più piccolo, maneggevole, con le rotelle, che può essere facilmente spostato da una parte all’altra. Poiché il fasciatoio si usa più volte al giorno, ogni volta che il bimbo deve essere cambiato e lavato, diventa un accessorio sul quale il bimbo si sente sicuro e tranquillo.

Se vissuto con calma, il momento del cambio del pannolino può rappresentare anche uno scambio di coccole e tenerezze tra la mamma e il suo piccolo. Durante i mesi invernali è consigliabile tenere calda la stanza in cui si svolge il cambio del pannolino, in modo che il bimbo non soffra il freddo, e per evitare il rischio di raffreddori (che per i bimbi sono sempre in agguato!).

Il fasciatoio può essere usato per circa due anni, almeno fino a quando il bimbo non cresce e diventa più autonomo. Tocca alla mamma rassicurare il suo bimbo per evitare che lui associ il cambio del pannolino ad un momento poco piacevole, in modo che il fasciatoio si possa usare anche per vestire il piccolo o per altre operazioni delicate, come per esempio pulire le orecchie o il nasino.

Sicuramente è un accessorio molto utile, quindi sarà un regalo gradito se i parenti ci penseranno in occasione della nascita o del battesimo. E’ però importante, anche se il bimbo è grandicello, che non lo si lasci mai da solo sul fasciatoio, perché potrebbe cadere e farsi male. Ogni distrazione può essere fatale, quindi bisogna fare attenzione a qualsiasi movimento del bimbo.

Dove acquistare

Se si è deciso di acquistarlo, vediamo dove rivolgersi. Innanzitutto consiglio di recarsi in un punto vendita specializzato nella vendita di accessori e prodotti per i bambini, dove sicuramente troverete un’ampia gamma di fasciatoi tra cui scegliere quello che più vi piace.

Anche una di quelle grandi “sanitarie” fornite di prodotti per l’infanzia può andare bene. Qui di solito si trovano le marche più conosciute e pubblicizzate. Qualche grande magazzino (soprattutto quelli ubicati nei grandi centri urbani) vende articoli per la prima infanzia, conviene quindi darci un’occhiata. Anche perché qui i prezzi potrebbero essere di molto inferiori, rispetto ai negozi specializzati. In genere presso i negozi specializzati si può stilare in anticipo una lista di prodotti che serviranno al bimbo dal momento della sua nascita in poi.

Tra questi, si può includere anche il fasciatoio, in modo da riceverlo direttamente a casa quando la mamma esce dall’ospedale con il suo piccolo. Se abitate in un piccolo centro, anche il negozio monomarca vicino casa vostra potrà essere il posto giusto per l’acquisto, e probabilmente anche se non troverete un grosso assortimento, risparmierete un bel po’ sull’articolo!

Se non si hanno le idee chiare sul modello e la marca, allora consiglio di navigare su Internet, in modo da sondare il terreno anche riguardo ai prezzi. Ci sono siti specializzati nel settore dell’infanzia sui quali potete trovare qualsiasi marca, ed inoltre potete acquistare stando comodamente a casa ed ordinando on-line. Conoscere modelli e prezzi vi aiuterà a confrontare quelli che troverete nei negozi.

Ogni fasciatoio ha le sue caratteristiche ed ogni marca presenta qualche particolarità, che spesso “fa la differenza” (anche in termini di prezzo). A prescindere dalla marca che sceglierete, assicuratevi che l’accessorio sia omologato alla normativa europea in materia di sicurezza. Un buon fasciatoio dovrebbe essere capace di mantenere un bimbo che pesa fino ai 15 Kg, quindi all’incirca fino ai 3 anni di età!

Marche

Quelle che citiamo qui di seguito sono sicuramente le marche più conosciute di articoli per l’infanzia. Cominciamo dalla Foppa Pedretti. Nata nel 1946 in provincia di Bergamo, da piccolo laboratorio per la lavorazione del legno è diventata in pochi anni l’azienda rinomata che tutti oggi conosciamo, una delle migliori in questo settore. Produce articoli molto curati nei particolari, e basta consultare il catalogo sul sito per rendersene conto. Sul sito inoltre è possibile scoprire qual è il punto vendita più vicino, e conoscere i rivenditori autorizzati presenti in tutta l’Italia. I fasciatoi della “Foppa Pedretti” sono pratici e funzionali, ed inoltre molto sicuri perché hanno un sistema anti-ribaltamento.

Il marchio Cam è presente sul mercato dal 1971, quindi è abbastanza giovane. Ma al suo attivo vanta già una serie di premi e riconoscimenti per i suoi articoli, all’avanguardia per il design e la sicurezza. Si può consultare il catalogo dei prodotti sul sito ufficiale dell’azienda. Qui si trovano diversi modelli, come quello che consente la rimozione della vaschetta dopo che la si è utilizzata per il bagnetto.

Passiamo ora alla ditta L. Rossi, anche questa italiana. E’ attiva in questo campo dal 1957, e si occupa della produzione e distribuzione di elementi ed accessori per i bambini. Si tratta di un’azienda affidabile, che segue ogni singolo passo del processo che porta al prodotto finito, cominciando dalla scelta delle materie prime, tutte accuratamente selezionate tra le migliori. Sul sito si possono visionare i prodotti, guardare i relativi prezzi e chiedere qualsiasi informazione al riguardo.

Concludiamo l’elenco con la ditta friulana Erbesi, che è stata creata negli anni ’60 da Ermes Erbesi. Questa azienda è cresciuta fino ad arrivare negli Stati Uniti. La tradizione familiare si è sempre concentrata sulla produzione di elementi di arredo per l’infanzia. I fasciatoi sono pratici e funzionali, ma anche esteticamente belli da vedere.


FacebookGoogle+TwitterEmail