Sport contro la cellulite

25 April, 2014

La cellulite è un problema più o meno grave che colpisce uomini e donne in vista della prova costume e non solo. Al di là dell’aspetto estetico la cellulite è anche e soprattutto un problema di salute, che se non presa in tempo e curata, può portare disagi e peggioramenti.

Sport contro la cellulite

Tipi di sport

Di solito prevenire è meglio che curare, per questo tra le migliori soluzioni per combattere la cellulite ci sono la dieta e lo sport. Come ogni cosa l’attività fisica deve essere mirata e consapevole, tesa al raggiungimento dello scopo di eliminare gli antiestetici e noti cuscinetti. La prima cosa da fare è conoscere quali sono le proposte e scegliere in base alle proprie esigenze e al proprio interesse.

Sostanzialmente gli sport utili per il nostro scopo sono quelli aerobici poiché nello sforzo di resistenza a cui è sottoposto il corpo, vengono utilizzati e quindi bruciati i grassi. Frequentare un corso di aerobica in palestra è un buon inizio per mettersi in forma e indossare il costume senza problemi. La ginnastica aerobica è completa nei movimenti e coinvolge tutte le varie parti del corpo, tonificando tra le altre cose anche i muscoli e le zone che magari non sono interessate dalla cellulite.

Se avete la possibilità e la voglia di fare attività fisica all’aria aperta non c’è cosa migliore della corsa. Il jogging è lo sport più antico, nonché quello più praticato, con un costo minimo e un beneficio massimo. Con una spesa base di scarpette da corsa, tuta e se siete appassionati un lettore Mp3 nelle orecchie, potete eliminare i fastidiosi cuscinetti correndo. A differenza di quanto si possa immaginare la corsa non coinvolge soltanto la parte bassa del corpo, gli arti inferiori, ma il movimento armonico del corpo mette in moto anche gli arti superiori, l’addome e i glutei, garantendo un risultato efficace.

Sempre nel contesto della natura e dell’aria aperta c’è poi il ciclismo. Lo sforzo in questo caso si concentra moltissimo sulle cosce; lavorando sugli arti inferiori si tenderà a tonificare e snellire soltanto le gambe. C’è infine un altro tipo di sport molto amato da coloro che vogliono eliminare la pelle a buccia d’arancia, ed è il nuoto o l’acquagym. L’effetto creato dalla ginnastica in acqua infatti amplifica i risultati perché oltre allo sforzo fisico sfrutta il movimento dell’elemento sulla pelle, come fosse una sorta di massaggio drenante.

Quale sport per eliminare la cellulite

Una volta che ci si è fatti un’idea di cosa si può fare per ottenere una pelle liscia e una muscolatura tonica, non resta che scegliere e iniziare. La scelta può essere più difficile di quanto si pensa, infatti non è semplice decidere e mandare avanti l’impegno dello sport. Bisogna essere molto motivati, convinti e propensi a farlo in maniera costante.

Lo sport, oltre a farci bene, deve piacerci, dobbiamo andare in palestra con voglia e desiderio, con piacere e allegria e non come se fosse una punizione dopo una giornata di lavoro. Per questo la prima scelta bisogna farla sul tipo di attività che ci interessa di più. In palestra, in gruppo, all’aria aperta o da soli. Se amate la natura, se avete una bella spiaggia o un verde parco nelle vicinanze l’ideale sarebbe la corsa o l’utilizzo della bicicletta, questa è una cosa che si può fare sia in compagnia di qualcun’ altro, sia da soli ascoltando buona musica magari.

C’è invece chi preferisce lo sport più organizzato, quindi il corso di aerobica o di acquagym in palestra, dove oltre a stare in compagnia e magari scambiare quattro chiacchiere tra una sudata e l’altra, bisogna solo seguire le istruzioni del personal trainer, che avrà l’esperienza e la competenza necessarie per far lavorare i muscoli giusti nei tempi giusti. Scegliere in base al proprio gusto è un primo passo, ma certamente non il solo. Subentrano nella decisione anche fattori di carattere fisico e salutare.

Se la cellulite è diffusa e più marcato è certo il caso di fare acquagym; se non sapete andare in bicicletta non potete darvi al ciclismo per strada, ma al massimo fare un corso di spinning in palestra; se le condizioni di salute in cui versate sono precarie e magari soffrite di cuore non potete fare grossi sforzi fisici e stremare il corpo. In questo caso è bene consultare un medico prima di intraprendere qualsiasi attività, fare le dovute analisi e procedere anche e soprattutto in merito al risultato di queste.

Tempistiche

Una volta iniziato lo sport bisogna essere costanti, farlo nei tempi giusti oltre che nei modi giusti, per evitare di perdere i benefici acquisiti. L’attività va fatta un da un minimo di 2 a un massimo di 4 volte la settimana, sia che abbiamo scelto il jogging sia che abbiamo scelto un corso in palestra. Altra cosa molto importante è la gradualità con cui si affronta lo sport, non si può infatti pensare di iniziare a corre per un’ora la prima volta.

Quando il fisico è fuori forma non è il caso di sottoporlo ad uno sforzo eccessivo, ma è meglio abituarlo poco per volta ad un graduale aumento di attività. Ascoltare il proprio corpo è fondamentale, non bisogna né essere pigri e arrendersi dopo i primi 10 minuti, né eccedere e cercare di superare i propri limiti. Chi si approccia alla corsa può iniziare camminando a passo svelto, poi passare ad una corsa molto leggera e man mano che sente di farcela ad aumentare il ritmo e i tempi.

Per quanto riguarda la bicicletta si può iniziare su un percorso omogeneo, pedalando a ritmo cadenzato e lento, per poi provare man mano percorsi più impegnativi e lunghi, con dislivelli che permettono uno sforzo e di conseguenza un consumo energetico maggiori. In palestra il discorso cambia un po’, in quanto ci sono orari ed esercizi predefiniti. Questo non significa che dovete mantenere il ritmo degli altri, o fare esattamente tutto ciò che vi viene detto dall’istruttore.

Anche e soprattutto in questo caso vale la regola di ascoltare il proprio corpo e sentire fin dove possiamo arrivare, cercando di impegnarci ma senza superare il limite. Generalmente è bene fare attività fisica mediamente tre volte la settimana, per un minimo di 30 minuti ad un massimo di due ore, a seconda sempre dell’allenamento e delle necessità.

Essere costanti

Scelto lo sport, capito come si inizia e iniziato effettivamente bisogna che lo si porti avanti con costanza e determinazione, perché la cellulite non è un problema che si elimina in un paio di mesi, né che una volta tolto non compare più. La costanza è quindi l’elemento fondamentale per una buona riuscita nell’intento che ci siamo prefissati. Spesso le condizioni esterne, il contesto lavorativo, famigliare o economico ci demotivano e ci fanno perdere di vista il fine dello sport.

Si può essere stanchi dopo un giorno di lavoro, avere impegni con i figli, non avere sempre la possibilità economica di pagarsi la palestra o semplicemente il cattivo tempo può spingerci a restare in casa piuttosto che andare in palestra o a correre. In questi casi bisogna sempre trovare un escamotage che ci permetta di ovviare ai problemi che si presentano. Se non ci si può permettere la palestra si va a correre; se il tempo non è bello, fuori piove o fa troppo freddo si tenta di fare un po’ di esercizio fisico in casa; se i figli hanno bisogno di noi si scelgono orari più compatibili, quando magari loro sono a scuola.

Insomma, non bisogna mai arrendersi alle circostanze, ma cercare sempre di trovare una soluzione ai piccoli intoppi che capiteranno di certo. Se questo non è sufficiente, tenete sempre in mente il perché state facendo sport. Spogliatevi e guardate quei fastidiosi, antiestetici e antipatici cuscinetti sulle cosce e sui glutei, immaginatevi in costume così, e immaginatevi in costume con due belle gambe toniche, dimagrite e sode.

Le buone motivazioni sono le molle principali che ci fanno fare grandi sacrifici e grandi cambiamenti, senza contare che il semplice fare sport fa bene a tante altre cose oltre all’aspetto fisico, fa sentire bene anche psicologicamente, in forma e più sani.

Attrezzatura

Tra le cose principali da fare quando iniziamo uno sport è procurarci l’attrezzatura necessaria e adatta. La scelta è ampia e per tutte le tasche. Di base ci serviranno gli indumenti da utilizzare sia in palestra sia fuori, ovvero le tute. In tessuto leggero o pesante, a mezze maniche, lunghe, corte, con la cerniera o senza, del colore che preferiamo, l’importante è sentirsi comodi e avere tutta la libertà di movimento che serve. Per chi fa corsa o ciclismo l’ideale sarebbe prendere una pantalone che lasci scoperta la parte inferiore delle gambe.

L’altra parte dell’abbigliamento al dir poco fondamentale sono le calzature, in modo particolare per chi decide di intraprendere il jogging. Sulla scelta delle scarpe facciamo attenzione, poiché devono essere adatte allo scopo e non fare male alla postura. Puntiamo quindi solo sulle marche più diffuse e conosciute, come Adidas, Nike, Lotto, Puma ecc, ma attenzione perché non è soltanto la marca che conta. Nei grandi negozi sportivi avrete la possibilità di guardare una vasta gamma di tipologie di calzature, a seconda dello sport scelto.

Le scarpe da running per esempio sono a loro volta suddivise in base al livello agonistico con cui si pratica jogging e ai percorsi che si scelgono. L’acquisto di una bicicletta, se non l’avete già e se avete scelto il ciclismo per combattere la cellulite, è un po’ più complesso e dispendioso. Una bicicletta di medie prestazioni, per percorsi urbani standard costa attorno ai cento euro. Ovviamente sale il prezzo se avete necessità di una bici più professionale, per percorsi più accidentati o particolari.

L’investimento vale però certamente il prodotto, quindi puntate su una mountain bike, qualcosa che vi duri nel tempo e che possiate utilizzare sia per andare eventualmente a fare la spesa, sia per passeggiare nel parco, sia per allenarvi. Tra le migliori marche abbiamo Bianchi, Specialized, Ktm, Scott e così via. La scelta della palestra comporta invece soltanto l’attrezzatura base, tuta o costume in caso di piscina, scarpette, borsone.

Praticare sport nel quotidiano

A volte andare in palestra, comprare una bici o fare jogging nel parco non è possibile, per motivi diversi che possono essere di incompatibilità con i tempi e gli impegni, problemi economici momentanei, luoghi nei dintorni abitativi inadatti alla corsa e così via. Insomma, se per un motivo o per un altro non possiamo proprio andare a correre o iscriverci in palestra che si fa? Ci teniamo la cellulite e indossiamo magari solo pantaloni lunghi anche d’estate? Assolutamente no! Lo sport non è solo quello che si pratica nei fitness club, nei parchi o nelle piscine.

Se ci si mette d’impegno per mantenere la forma fisica desiderata e sconfiggere la pelle a buccia d’arancia non c’è problema che tenga. Con una spesa minima si può infatti allestire una piccola palestra in casa propria tanto per cominciare, e dedicarsi una mezz’ora al giorno all’attività fisica mirata. Basta procurarsi un tappetino morbido per gli addominali, che costa attorno agli 8-10 euro al massimo e se si ha la possibilità uno stepper. Gli stepper sono attrezzi di varie dimensioni e prezzo, che partono anche da modelli base di 50 euro, ma che sono estremamente utili per l’aerobica.

Mettendo in moto le gambe e creando quello sforzo di cui si parlava all’inizio che brucia i grassi, è ottimo per l’intento che ci prefiggiamo di eliminare la pelle a buccia d’arancia sulle cosce e sui glutei. Fare un quarto d’ora di stepper al giorno è la soluzione ideale, bilanciando questo tipo di allenamento con altri esercizi mirati contro la cellulite. Ma non è finita qui. Contano molto nel caso in cui si scelga questo tipo di “sport” quotidiano e alternativo, anche le piccole accortezze.

Cercate di non essere pigri, camminate il più possibile, quando andate a fare la spesa, a prendere i bambini a scuola, al lavoro, a trovare un’amica; fate le scale invece di prendere l’ascensore; durante le belle giornate organizzatevi per una salutare passeggiata all’aria aperta e ricordate di bilanciare sempre il tutto con una dieta adatta, equilibrata e sana, ricca di acqua, frutta, verdure e antiossidanti.


FacebookGoogle+TwitterEmail