Creme solari

25 aprile, 2014

La crema solare è un prodotto indispensabile per proteggere la nostra pelle dai raggi solari, infatti, studi scientifici hanno dimostrato che prendere il sole senza protezione può causare gravi danni alla cute, provocandone un precoce invecchiamento. In commercio esistono molte creme solari, ma per fare la scelta migliore dobbiamo tener conto di una serie di fattori. Vediamo quali.

Creme solari

Come scegliere

Prima di tutto valutiamo il Fattore di Protezione Solare (SPF). E’ l’indicatore del tempo di esposizione al sole di cui possiamo disporre senza alcun rischio di eritemi o dolorose scottature. Quindi, se scegliamo una crema solare con fattore di protezione 6, significa che possiamo sostenere i raggi solari sei volte di più di quelli che potremmo reggere senza l’applicazione del prodotto! Protezioni inferiori a 6 sono state ritenute insufficienti per proteggere la pelle dai danni del sole, e perciò ritirate dal commercio.

Oltre al fattore di protezione, dobbiamo controllare sull’etichetta che la crema solare da noi scelta protegga anche dai filtri UV-A, che sono i responsabili dell’invecchiamento precoce della pelle e di veri e propri “attacchi” al nostro sistema immunitario. Non basta infatti che le creme solari siano adatte a contrastare i raggi UV-B (che possono causare invece macchie scure, scottature, eritemi, rughe).

Secondo una direttiva dell’Unione Europea d’ora in poi le etichette delle creme solari dovranno riportare informazioni precise riguardo i rischi del sole, e le precauzioni per avere una tintarella senza problemi. Le etichette dovranno essere di facile comprensione, scritte con un linguaggio “standard”, e semplici. Il nuovo sistema di etichettatura prevede quindi l’eliminazione di alcune diciture quali: “protezione totale”, “schermo totale”, “protezione al 100%”.

Infatti nessuna crema solare riesce a proteggere in modo assoluto e totale dalle radiazioni UV. Quindi queste espressioni, quando usate, risulterebbero ingannevoli. La crema solare va scelta in base al proprio tipo di pelle. Chi ha una pelle molto chiara, con efelidi, deve ovviamente stare più attento, e acquistare una crema solare che abbia un fattore di protezione molto alto. Il rischio di scottature ed eritemi è sempre in agguato.

Il tipo di pelle (fototipo) va individuato in base ad una serie di caratteristiche precise:

  • fototipo 1 presenta una pelle chiarissima, con efelidi, e occhi chiari. E’ il tipico fototipo “nordico”;
  • fototipo 2 presenta una pelle chiara, con capelli rossi o biondi, occhi chiari;
  • fototipo 3 invece presenta una pelle pallida, con capelli ed occhi castani;
  • fototipo 4 presenta occhi scuri, capelli scuri e la pelle olivastra. E’ il tipico fototipo “mediterraneo”;
  • fototipo 5 presenta in genere una pelle scura;
  • fototipo 6 è quello che presenta una pelle nera (per intenderci, quella di Naomi Campbell)

I primi tre fototipi appartengono alle persone più delicate, che si scottano molto facilmente, e sono maggiormente esposte al rischio di tumori della pelle.

Per bambini

Partiamo in vacanza con i nostri bambini? Dobbiamo allora preoccuparci di proteggerli dal sole con creme solari affidabili e specifici.

Le creme solari per bambini si dividono in base all’età e al fattore di protezione. Se il bimbo è ancora molto piccolo, dobbiamo orientarci nella scelta di prodotti solari specifici per neonati (rivolgiamoci a marche affidabili e conosciute, come Nivea, Infinite Dolcezze, Baby Gella). Verificate che il prodotto sia sigillato, e quindi non “riciclato” dall’anno precedente.

Anche le marche non conosciute vanno bene, purché siano state consigliate da una persona affidabile, come per esempio il nostro pediatra o medico di famiglia. Attenti anche a non acquistare creme solari in promozione, visto che con molta probabilità potrebbero essere dell’anno prima, e quindi vendute a prezzo stracciato per essere smaltite. Potete rivolgervi anche a negozi on-line e farmacie sul web che vendono prodotti solari per bambini, trovando anche consigli e informazioni utili per una corretta esposizione al sole dei vostri piccolini. I solari per bambini si trovano anche in alcuni forniti supermercati, ma acquistarli in farmacia dà maggiori garanzie di affidabilità.

Il prezzo di una crema solare per bimbi si aggira dai 10 ai 20 euro. Ad un neonato possiamo applicare una crema solare con protezione 60, mentre se il bambino ha un anno e più possiamo optare per una protezione pari a 40. Per i bambini più grandi, anche 20. Ovviamente, affinché la crema solare sia efficace, deve anche essere spalmata nel modo giusto. Non trascurate mai le spalle e le parti del corpo più esposte, e rinnovate più volte l’applicazione durante la giornata.

Curate molto anche la scelta di un buon doposole, che sia lenitivo e rinfrescante. Dopo una giornata al mare il corpo del vostro bimbo ha bisogno di ritrovare sollievo e idratazione. Anche in questa scelta affidatevi alle marche più conosciute in questo settore, ma optate per creme che contengono elementi decongestionanti naturali.

Creme autoabbronzanti

Ultimamente questi prodotti sono stati rivalutati. Perfezionati nella loro composizione, assicurano quasi tutti buoni risultati, per chi desidera un colorito abbronzato anche nei mesi invernali! Da sfatare qualche diceria sul loro conto.

Innanzitutto non è vero che si tratta di preparati chimici o additivi, in genere contengono il glicerolo, che deriva dallo zucchero, ed assicura un colorito abbastanza naturale. Inoltre le creme autoabbronzanti non seccano la pelle, perché la maggior parte di esse contiene sostanze emollienti, che assicurano una perfetta idratazione.

Ovviamente bisogna scegliere i prodotti più affidabili. Come fare? Leggere le etichette è importante per sapere da cosa sono composti e quando sono stati prodotti. Affidatevi a prodotti che rechino la dicitura “testato clinicamente”. Gli autoabbronzanti non provocano scottature o invecchiamento precoce dell’epidermide, come invece succede con le lampade e il sole diretto. Se siete soggetti a rischio “allergie” ricordatevi di testare il prodotto applicandone una piccola quantità sul braccio, e verificando nelle 48 ore successive se si verificano irritazioni.

Gli autoabbronzanti non proteggono dal sole, perciò non vi esponete mai senza crema protettiva. La crema autoabbronzante va lasciata agire almeno per mezz’ora, quindi non bisogna rimuoverla prima. Se avete raggiunto la tonalità di pelle che desiderate, sospendete l’applicazione del prodotto per una settimana, e poi continuate, se volete un effetto più duraturo. Ricordate che è sempre meglio differenziare il trattamento per il viso e per il corpo. Non usate la stessa crema, poiché il viso ha bisogno di un trattamento meno aggressivo.

Alcune marche di creme autoabbronzanti in commercio sono: Lierac (crema autoabbronzante per viso e corpo), Angstrom (lo troviamo in farmacia), Piz Buin, l’ottimo Christian Dior, Ambre Solaire, Clarins, Bilboa (un buon prodotto, ma anche più economico), Collistar. Per chi non vuole spendere molto, ma comunque desidera una crema affidabile, consigliamo Nivea (per il viso e per il corpo).

Ricordate sempre di lavare le mani dopo aver applicato il prodotto, perché potrebbe penetrare nella pelle e tingerla leggermente.

Creme dopo sole

Dopo una lunga esposizione al sole, la pelle è senz’altro più colorita, ma ahimè, anche più stressata. Essendo stata “aggredita” dai raggi solari e dal vento, necessita prima di tutto di una buona idratazione. La prima azienda che ha lanciato una linea di creme dopo sole è stata la Lancaster, negli anni ’70.

Le creme dopo sole servono a:

  • lenire la pelle da arrossamenti ed irritazioni provocati dal sole;
  • nutrire ed idratare l’epidermide, che dopo lunghe ore di sole appare visibilmente più secca.

Di solito contengono sostanze quali l’aloe, il burro di karité, ma alcune contengono anche i peptidi, che sono utili per diminuire la sensazione di dolore e fastidio, nel caso di spiacevoli scottature. Le creme dopo sole specifiche per il viso contengono anche sostanze utili per prevenire le rughe, che con il sole diventano più evidenti (per esempio, le rughe di espressione sul volto).

In genere le creme per il viso sono più leggere e meno dense di quelle che si usano per il resto del corpo. Se ci scottiamo sul viso, possiamo applicare la crema dopo sole come una maschera e tenerla per circa mezz’ora, il tempo giusto per rilasciare le sostanze lenitive e rinfrescanti di cui abbiamo parlato. L’applicazione della crema dopo sole deve diventare una piacevole abitudine, durante la stagione estiva. Esistono in commercio anche creme dopo sole che hanno l’effetto di prolungare l’abbronzatura.

Buoni, e soprattutto adatti a tutte le tasche risultano i prodotti della Bilboa, ma anche Vichy (che troviamo solo in farmacia), Lycia, Lancaster. Di quest’ultima segnaliamo in particolare il prodotto “Tan Maximixer”. A base di estratti naturali i prodotti dopo sole della ditta “Bottega Verde”, che vende anche per corrispondenza e tramite Internet. E’ l’ideale per chi preferisce prodotti testati dermatologicamente e del tutto naturali.

Marche

Della linea Collistar troviamo il “Latte spray superabbronzante Idratante” che si assorbe molto facilmente, ed è quindi particolarmente adatta per chi pratica sport. Poi c’è anche l’Olio secco Superabbronzante Idratante con SPF 6, adatto anche per i capelli. Ottima linea solare anche quella della Clinique, che propone per il viso l’UV Response Face Gel- Lotion che contiene vitamina E e C, aloe, liquido di Shiso, estratti di plancton. E per il corpo UV Response Body Gel-Lotion.

E’ molto importante utilizzare creme solari adatte per il viso, che contrastino i radicali liberi e prevengano l’invecchiamento della pelle, ed anche semplicemente le antiestetiche macchie provocate da eccessiva esposizione al sole. Non dimenticate di proteggere dal sole anche le labbra. Esistono in commercio specifici stick per le labbra, che proteggono questa zona sensibile da irritazioni e scottature.

Se desiderate una pelle scurissima, la Planter’s propone una linea di creme solari che contiene luffa, carota, vitamina E, aloe vera, cassia alata. Si tratta della crema solare intensificatore di abbronzatura. Se invece avete già una pelle abbronzata e non troppo sensibile, potete optare per l’Olio secco super abbronzante alla carota o al mallo di noce.

Della linea Nature’s troviamo prodotti privi di nichel e non testati sugli animali. Lo Spray solare attivatore d’abbronzatura con SPF 6 si può applicare anche una settimana prima di esporsi al sole. Esso attiva la melanina presente nel nostro corpo, in modo da preparare la pelle a ricevere i raggi solari. Della stessa marca troviamo anche lo Spray solare per bambini e il Gel super abbronzante.

A base di erba cristallina sono invece i solari della linea Dr. Hauschka. Troviamo lo spray solare, che assicura una perfetta idratazione anche a temperature molto elevate, ed anche una serie di prodotti doposole. L’Oreal, che è una famosa azienda di cosmetici, ha lanciato una linea completa per l’estate, comprendente latte solare, olio, doposole. Ci sono anche prodotti solari specifici per i bambini. Le creme solari Vichy sono molto affidabili, si trovano solo in farmacia.

Le creme solari proteggono dall’invecchiamento precoce dovuto ai raggi dannosi del sole, e ci sono quelle specifiche per il viso e una linea particolare per i bambini, la cui pelle delicata e sensibile necessita di maggiore protezione. Sempre in farmacia è possibile trovare la linea solare Biotherm, nota azienda di prodotti cosmetici.

Aldilà delle marche, come riconoscere una buona crema solare? Non deve essere appiccicosa, e quindi attirare la sabbia. Non deve essere troppo profumata, ma avere solo una piacevole fragranza fresca, e non contenere alcool. E poi, altro requisito importante, è che sia resistente all’acqua. Quindi leggete sempre l’etichetta per carpire informazioni sulla loro composizione.

Consigli per una sana abbronzatura

Di seguito un elenco di utili consigli da seguire per avere una sana e bella abbronzatura:

  • E’ consigliabile non utilizzare le creme solari dell’anno precedente, poiché i filtri di protezione diventano inefficaci con il passare del tempo! Se non riusciamo a consumare un’intera confezione di crema solare durante l’estate, optiamo per creme più piccole o monodose;
  • evitare di portare sulla spiaggia i neonati o i bambini molto piccoli nelle ore più calde. Scegliere preferibilmente le ore pomeridiane;
  • non cadere nella trappola delle creme “fai da te”, realizzate in casa. Meglio affidarsi a quelle collaudate e dermatologicamente testate, anche se contengono elementi naturali;
  • durante i giorni di vacanza, in cui ci si espone al sole, è consigliabile curare la dieta e consumare pasti leggeri e alimenti freschi come verdura e frutta. Ottimi anche carote, pomodori, agrumi e pesce fresco;
  • ricordarsi di rimuovere sempre i prodotti solari applicati dal viso con una leggera pulizia, e dopo la doccia non dimenticare di stendere sul corpo una crema idratante. La pelle esposta al sole tende a perdere liquidi e bisogna idratarla più volte al giorno;
  • evitare di esporsi nelle ore più calde del giorno ( e cioè dalle 11 circa alle 15), e se si è costretti a stare per lungo tempo al sole utilizzare occhiali da sole e cappello. Rappresentano una protezione in più, soprattutto per quelle persone che hanno gli occhi particolarmente delicati e sensibili, che non tollerano a lungo la luce solare;
  • l’applicazione della crema solare va rinnovata più volte durante l’esposizione, anche dopo essersi bagnati. Aiuta a mantenere la pelle idratata e morbida;
  • molti non sanno se acquistare un latte solare o un olio. Di solito gli oli sono pensati per una pelle più scura e già abituata al sole, e quindi hanno un fattore di protezione più basso. Inoltre lasciano una patina addosso che ad alcuni potrebbe dare fastidio. Altri ritengono che l’olio, oltre a garantire un’abbronzatura uniforme, dia alla pelle quel giusto grado di idratazione che serve durante l’esposizione al sole. Non vi resta che provare entrambi e cogliere le differenze sulla vostra pelle!

FacebookGoogle+TwitterEmail