Matita per occhi

25 aprile, 2014

Tra i cosmetici più utilizzati c’è sicuramente la matita occhi, nota sin dall’antichità e utilizzata per esaltare la forma e la profondità degli occhi. All’interno di questa guida troverete le informazioni relative alla storia, all’uso, alle tipologie e agli accessori legati alla matita occhi e, in ultimo, una lista delle migliori marche di cosmetici produttrici anche di matite occhi.

Cos’è e a cosa serve

La matita occhi è nota nel mondo della cosmetica e della bellezza anche con i nomi kohl e kajal rispettivamente provenienti dal mondo arabo e nei paesi dell’Asia meridionale. Nonostante questi nomi indichino in realtà composizioni diverse, la loro funzione è uguale alla normale matita occhi: cambiano, infatti, soltanto gli ingredienti per la loro realizzazione.

La matita occhi è uno dei cosmetici più utilizzati dalle donne: è semplice da usare e consente di ottenere risultati soddisfacenti sin da subito. La sua funzione, in particolare, è quella di valorizzare il contorno occhi e fornire loro una profondità maggiore ed eventualmente una forma diversa.

È ben noto, infatti, che gli occhi sono uno dei più importanti strumenti di seduzione posseduti dalle donne: la matita occhi serve per esaltare ancora di più la loro forma naturale o semplicemente per dare profondità allo sguardo, ma anche per correggere eventuali piccole imperfezioni ereditate geneticamente.

La vasta gamma di colori disponibili in commercio consente anche di creare sfumature cromatiche originali e creative, da abbinare al colore dei capelli o a quello della carnagione, in modo da avere ogni giorno un trucco e un aspetto diverso.

Tutte le donne ormai possono utilizzare la matita occhi perché ne esistono diversi tipi in commercio la cui composizione è studiata per risolvere eventuali problemi di allergia o per poter essere utilizzata anche in presenza di lenti a contatto.

Esistono, quindi, matite per l’interno occhi, più delicate e morbide in modo da non irritare le palpebre e l’iride stessa, e matite per l’esterno dell’occhio, più dure e intense rispetto alle prime, ma da utilizzare soltanto per la parte esterna dell’occhio. Usandole entrambe si ottengono risultati ottimi perché se la matita morbida è utile a dare maggiore profondità allo sguardo, quella dura può essere utilizzata per fornire all’occhio le forme che più di desiderano.

Storia

La storia della matita occhi è molto antica tanto che sembra affondare le radici nei primi periodi di vita dell’uomo sulla Terra. Pare, infatti, che essa sia stata utilizzata a partire dal 3500 a.C., in piena età del bronzo: in quel periodo l’uso della matita occhi non era legato a fattori estetici ma soprattutto a motivi igienici.

Essa era impiegata, infatti, per proteggere gli occhi dalle infezioni e dai raggi del sole; era comune, inoltre, che le neomamme applicassero la matita occhi sulle palpebre dei neonati per allontanare la sfortuna. Anche nell’antico Egitto la matita occhi, chiamata kohl, era utilizzata soprattutto per proteggere gli occhi dalle infezioni e per attenuare la rifrazione dei raggi solari sulla sabbia bianca del deserto.

Il suo uso nell’antico Egitto è testimoniato dai numerosi reperti antichi sui quali sono raffigurati i volti di faraoni e dei, con il viso bidimensionale e con l’unico occhio visibile ben contornato di nero. I faraoni, infatti, sembra che fossero particolarmente affascinati dall’effetto estetico che la matita occhi forniva al loro sguardo tanto che iniziarono ad utilizzarla abitualmente.

La matita occhi era utilizzata anche nelle popolazioni berbere e dagli arabi anche se, in tal caso, essa era noto soprattutto con il termine kajal. Anche in queste popolazioni l’uso della matita occhi era legata anticamente a funzioni estetiche e di cultura popolare. Essa, infatti, aveva sia il compito di impreziosire lo sguardo delle donne e sia quello di allontanare lo “sguardo cattivo”, una sorta di malocchio che poteva colpire uomini, donne e bambini.

Nella regione del Punjab, situata a cavallo tra Pakistan e India, il Sirma, nome con quale era indicata la matita occhi, era utilizzato principalmente dagli uomini a scopi religiosi o durante alcune cerimonie a carattere sociale: era loro applicato dalle mogli o eventualmente dalle madri.

Nel corso degli anni la matita occhi è diventata un cosmetico d’uso comune anche in Europa e recentemente, dopo l’uscita sul grande schermo della saga dei Pirati dei Caraibi, è stata ideata anche una matita occhi specifica per gli uomini sullo stile lanciato da Johnny Depp nell’interpretazione del capitano Jack Sparrow.

Preparazione antica e salute

Il modo di ottenere la colorazione scura tipica delle matite occhi ha subito numerosi cambiamenti importanti nel corso del tempo. All’inizio, infatti, la mancanza di studi sui minerali e sul loro effetto sull’organismo umano, rendeva le donne e gli uomini che utilizzavano il kohl e il kajal, soggetti a diversi tipi di infezioni e problemi fisici.

Se le moderne matite occhi, infatti, sono costituite da ingredienti ipoallergenici e innocui per l’occhio, gli antichi componenti del kohl e del kajal,utilizzati probabilmente ancora oggi nelle preparazioni domestiche utilizzate soprattutto nelle popolazioni orientali, risultano estremamente nocivi alla salute.

Uno degli ingredienti utilizzati anticamente per la creazione del kohl e del kajal, infatti, era la galena, un minerale a base di solfuro di piombo, il cui uso si è rivelato estremamente tossico per la salute. Questo materiale, infatti, è stato ritenuto responsabile di un aumento dei livelli di piombo nel sangue i quali, a lungo andare, possono provocare avvelenamenti o intossicazioni da piombo.

Le intossicazioni da piombo, a loro volta, possono provocare anemie, ritardi nella crescita, convulsioni, ritardo mentale e persino la morte. Agli inizi del 1900 circa, non appena è stata scoperta la tossicità di questo materiale, i maggiori produttori a livello industriale di kohl e di kajal, hanno preferito utilizzare materiali diversi per la realizzazione delle matite occhi, per tutelare la salute dei consumatori.

Da quel momento, infatti, le matite occhi iniziarono ad essere composte principalmente da carbone e carbone attivo e, per migliorare la mistura, erano impiegati diversi oli vegetali, la cenere prodotta dalla combustione di frutta a guscio o semi e altre resine speciali.

Tuttavia, gli alti livelli di anemia provocata da intossicazione da piombo rilevati ancora oggi nei paesi mediorientali e dell’Asia meridionale, in particolare, fanno supporre che anche attualmente tra gli ingredienti utilizzati per la preparazione delle matite occhi ci sia la galena, magari venduta come materiale innocuo da commercianti senza scrupoli.

Tipologie e accessori

Una prima importante distinzione tra le numerose matite occhi in commercio è la durezza della mina. Essa, infatti, è la parte più importante della matita e può essere dura o morbida. La matita occhi con mina dura è l’ideale per tracciare linee nette e ben definite e il suo uso è più indicato per la parte esterna dell’occhio: la mina, infatti, potrebbe provocare arrossamenti se passata all’interno dell’occhio.

La matita occhi a mina morbida, invece, è più indicata per l’interno dell’occhio e grazie alla sua composizione consente la facile realizzazione di sfumature o riempimenti di colore. Altra importante distinzione tra le matite occhi riguarda la loro colorazione: in commercio, infatti, ne esistono di tantissimi colori diversi, da abbinare tra loro per avere ogni giorno un trucco originale e creativo.

L’ultima distinzione è legata, infine, ad alcune sue caratteristiche. Esistono, infatti, matite occhi resistenti all’acqua e per questo chiamate waterproof; matite occhi a lunga tenuta, che assicurano un trucco perfetto e senza sbavature, e anche matite ultra delicate, indicate a chi soffre di allergie o a chi porta le lenti a contatto.

Direttamente da Londra, poi, da pochi anni è in commercio la guyliner, una matita occhi prodotta esclusivamente per gli uomini. Essa, come le normali matite occhi, consente di dare maggiore profondità allo sguardo maschile ed è utilizzata già da molte star della musica e del cinema.

Per appuntire la matita occhi non è possibile utilizzare i normali temperamatite che si acquistano nelle edicole o nelle cartolibrerie. La mina delle matite occhi, infatti, è molto delicata e la sua pastosità non è l’ideale per un normale temperino.

Per questo, quindi, sono stati creati temperini appositi destinati ad appuntire le diverse matite occhi, sia morbide sia dure e di qualsiasi tipo di dimensione. Gli ultimi modelli di temperini per matite occhi, in particolare, sono dotati anche di un pratico netta lama incluso nella confezione, che consente di svuotare il serbatoio del temperino senza rischiare di sporcarsi le mani o le unghie.

Consigli per l’uso

La matita occhi è un cosmetico abbastanza semplice da utilizzare: in pochissimi minuti, infatti, persino le meno esperte sono in grado di ottenere risultati soddisfacenti. Il metodo più semplice per utilizzare una matita occhi, in particolare, consiste nell’applicarla sempre dall’interno dell’occhio verso l’esterno: in tal modo si evitano sbavature e tremolii e il tratto risulta netto e ben definito.

Per modellare la forma dell’occhio, inoltre, l’ordine da seguire per applicare la matita occhi è: interno dell’occhio, palpebra e, infine, esterno dell’occhio. Per evitare di appesantire lo sguardo il tratto non deve essere particolarmente intenso: è meglio tratteggiare o picchiettare delicatamente, questa volta, partendo dall’esterno e procedendo verso l’interno.

Il tratto della matita deve essere il più possibile vicino alle ciglia: se non viene bene, niente paura, perché è possibile sfumarlo con le dita o con un pennellino. Per dare all’occhio una forma allungata, il tratto deve proseguire all’esterno dell’occhio e verso l’alto, senza tuttavia spingersi troppo oltre.

La matita occhi più indicata, in questo caso, è quella dura, da alternare con quella morbida se si desidera sfumare o riempire il disegno appena creato. Il risultato che si ottiene è un occhio più vivace, allegro e sensuale. Se si hanno gli occhi molto grandi o eccessivamente rotondi, invece, la matita può aiutare a ridurli un po’.

In tal caso, bisogna disegnare una linea uniforme e dritta con una matita morbida preferibilmente puntando su tonalità scure che danno profondità allo sguardo. Bisogna, in particolare, evitare di tratteggiare, picchiettare o sfumare il tratto della matita. È importante, poi, evitare i colori chiari perché hanno l’effetto di rendere l’occhio più grande e luminoso.

Se si desidera, invece, giocare con le matite occhi colorate per modificare o dare una forma nuova agli occhi, ci si può sbizzarrire alternando tonalità chiare e scure e ponendole, singolarmente o mescolate, sia all’interno, sia all’esterno dell’occhio. In tal modo, il risultato sarà sempre diverso, originale e personalizzato.

Migliori marche e siti utili

Kiko Make up Milano : si tratta di un’azienda abbastanza recente specializzata nella produzione e nella vendita di cosmetici. All’interno del loro sito web è possibile sfogliare l’ampia gamma di matite occhi e accessori ad esse collegati. Da segnalare la “glitter eye pencil”, una matita occhi dalla texture particolarmente glitterata che consente mettere in risalto ancora di più lo sguardo.

Bottega verde : si tratta di uno dei più noti produttori di cosmetici realizzati con prodotti naturali. Il sito web dell’Azienda, oltre ad essere sempre ricco di offerte e sconti, presenta una vasta gamma di matite occhi, di diverse tonalità e a prezzi abbastanza vantaggiosi. La particolarità di queste matite occhi è che esse sono create con prodotti naturali come la cera d’api o la cera di carnauba, una particolare palma proveniente dal Brasile. Tra le diverse matite occhi sono disponibili anche matite waterproof e a lunga tenuta.

Collistar : si tratta di una delle aziende leader del mercato nazionale e internazionale, specializzate in cosmetica e prodotti per il benessere e la bellezza. Sul loro sito web sono visibili le numerose matite occhi, divise in base alle loro caratteristiche. Sono a disposizione delle clienti, infatti, matite professionali di diversi colori e dotate di applicatore, matite occhi con vitamina E in grado di proteggere la pelle intorno agli occhi e persino matite occhi automatiche, fornite di uno speciale contenitore con mina retrattile.

Maybelline NY : tra i numerosi prodotti in vendita sul sito web di questa nota azienda americana di cosmetici ci sono anche molte matite occhi, ognuna accompagnata da una specifica scheda tecnica che ne enumera le caratteristiche e le particolarità. Nelle schede tecniche delle matite occhi, in particolare, sono inseriti anche numerosi consigli sull’applicazione in modo da ottenere sempre il meglio dai prodotti scelti. Tra le numerose matite occhi c’è anche la “line definer”, la matita occhi di precisione che assicura un tratto molto sottile e durevole nel tempo, che definisce ed esalta lo sguardo.


FacebookGoogle+TwitterEmail