Parquet prezzi

In Casa
10 ottobre, 2014

L’acquisto del parquet comporta una scelta assai complicata dati gli innumerevoli formati e tipologie di pavimenti in legno presenti in commercio. Attraverso questa guida cercheremo di esporre i principali fattori da considerare per una giusta scelta.

Prezzi parquet

Quanto costa il parquet

Il primo fattore da considerare nell’acquisto del parquet è il prezzo, questo dipende da molteplici fattori quali:

  • reperibilità e provenienza del legno;
  • dimensioni del listello (lunghezza e larghezza);
  • natura e spessore del legno;
  • classe d’aspetto del parquet.

Le classi d’aspetto, basate su norme europee, stabiliscono delle regole ben precise su cui i produttori di parquet devono basarsi. L’applicazione di queste disposizioni sancisce una garanzia per il consumatore.

Ci sono tre classi d’aspetto, si differenziano tra loro per la varietà del legno, per parametri cromatici e per le caratteristiche naturali dei diversi legni. Caratteristiche naturali possono essere l’ omogeneità della tonalità dei listelli, il numero di nodi presenti per metro quadro, o ancora il fatto che le striature siano più o meno parallele. Di seguito riportiamo le tre classi d’aspetto:

  • parquet prefinito multistrato;
  • parquet massiccio senza incastro;
  • parquet massiccio con incastro.

Analizziamo ora la classificazione qualitativa del parquet , di seguito riportiamo due qualità:

  • qualità rigatino è la classe più elevata, per un legno a fibra diritta, fine e tonalità uniforme
  • qualità nodino, per un’essenza dalla fibra diritta o piatta, tonalità non uniforme con presenza di nodini di piccolo diametro, caratteristiche che la rendono indicata in aree di utilizzo intenso (come la camera dei bambini).

Si può partire da queste definizioni per sottolineare le differenze tra classi diverse dello stesso legno e tra legni diversi della stessa classe. Un lamparquet in rovere, per esempio, può costare intorno a € 27-32 il mq nella classe rigatino; € 13-22 se è nodino. Le cifre aumentano rispettivamente a € 43-48 e a € 28-30 quando è a listoncini (mm 14×70/80×400/500). Così, stando nella stessa classe il prezzo può anche raddoppiare, e quasi triplicare, in base al tipo di legno scelto. E’ questo il caso del legno tropicale come il wengè, o mediterraneo come l’Olivo.

Il parquet prefinito ha costi superiori: nell’ordine di € 60-65 il mq per il listoncino in rovere, e fino a € 120-130 per i formati maggiori (il prezzo può salire per le essenze più costose e per i prodotti finiti a mano e anticati). A questi costi occorre poi aggiungere un’altra voce di spesa: infatti bisogna sommare l’Iva: il 20% se si acquista solo il parquet, il 10% oltre al parquet viene fornita anche la posa in opera si occupa anche della sua posa. I costi per la posa in opera, la levigatura e la verniciatura variano se si tratta di parquet tradizionale o parquet prefinito.

Prezzi parquet tradizionale: in questo caso, per una posa a correre con levigatura, mano di fondo e due mani di vernice standard poliuretanica si possono spendere indicativamente € 25-30 il mq, ma il prezzo sale quando il parquet si posa a spina di pesce o a mosaico, se si utilizza una vernice ecologica all’acqua e quando, invece di verniciare, si finisce a olio o a cera. Ognuna dì queste variazioni può innalzare il prezzo di circa € 3-4 al mq.

Prezzi parquet prefinito: il costo della posa di un pavimento prefinito è invece inferiore, circa € 15-20 il mq. In definitiva, la soglia di spesa minima da considerare è di 50-60 euro il mq (più Iva). Naturalmente i prezzi sopraccitati sono indicativi e da listino ci possono essere riduzioni in base anche all’entità dell’ordine e ai rapporti commerciali tra produttore e rivenditore.

Altro fattore che incide sul prezzo finale è il costo della messa in opera del parquet. Questo servizio, viene fornito dallo stesso fornitore che si occupa della produzione del parquet, escludendo da qualsiasi responsabilità il rivenditore alla quale ci siamo rivolti per l’acquisto. Ciò comporta un notevole vantaggio per l’acquirente, poiché scegliendo il servizio completo può usufruire di detrazioni fiscali (applicazione iva del 10%).

Segnaliamo anche un’associazione dei posatori di parquet che collabora attivamente con EdilegnoArredo (l’associazione cui fanno riferimento i produttori) per la messa a punto di regole aggiornate di buona pratica e per la qualificazione costante dei posatori.


FacebookGoogle+TwitterEmail