Macchina per fare il pane

15 maggio, 2013

Il pane è un alimento che non manca mai a tavola, e che accompagna in genere qualunque pasto. Ne esistono di vari tipi e forme, ed anche il gusto cambia. E’ bello poter fare il pane con le proprie mani, ma forse può risultare un po’ complicato. Ecco allora che ci viene in aiuto la macchina per il pane, un accessorio per cucina dall’uso semplice.

Macchina per fare il pane

Che cos’è

La macchina del pane è un tipo di macchina che da qualche anno si è diffusa in Italia, essendo stata “importata” da paesi come la Gran Bretagna e la Germania. Presentandosi come una novità, è ovvio che diventa difficile orientarsi tra le varie marche presenti sul mercato, e tra le caratteristiche di ognuna di esse.

Questo piccolo e maneggevole elettrodomestico serve ad impastare, lievitare e infine cuocere il pane. E’ abbastanza facile da usare. Non ci resta che dosare i vari ingredienti, metterli nel cestello, programmare il dispositivo a seconda del tipo di cottura scelto, e attendere il segnale che ci avvisa di estrarre il pane dalla macchina. Possiamo anche decidere l’ora di inizio della cottura.

Per servire un pan brioche a colazione, dovremo programmare la cottura la sera prima o al mattino presto se desideriamo gustare un pane caldo per il pranzo. In genere i risultati sono abbastanza soddisfacenti, basterà solo un po’ di pratica.

Un consiglio: non affidarsi alle ricette che trovate nel libretto delle istruzioni allegato alla confezione, perché non sono molto attendibili. Procuratevi invece una ricetta collaudata ed affidabile, e vedrete che con il tempo raggiungerete ottimi risultati. Non vi aspettate subito di sfornare un pane come quello del forno artigianale, ma che almeno sia gustoso e croccante al punto giusto.

Ecco di seguito due suggerimenti che potete seguire (se volete):

  1. Prima di utilizzare la macchina per fare il pane, esercitatevi almeno una o due volte a fare il pane a mano, così saprete come regolare la consistenza dell’impasto;
  2. procuratevi un libro che spieghi in modo semplice e chiaro come si ottiene un buon impasto, ed evitare i classici errori, ovvero l’impasto molle o, al contrario, grumoso e duro.

Attenzione anche agli errori di cottura, che possono compromettere la buona riuscita del pane. Scegliete bene anche la forma da dare al pane. Ricordate che anche l’occhio vuole la sua parte!

Caratteristiche

La macchina per il pane possiede specifiche caratteristiche, che proviamo qui di seguito ad elencare:

  • cottura: in genere le macchine per fare il pane attualmente in commercio permettono di scegliere il livello di cottura (sia della crosta,che dell’impasto);
  • capacità: le macchine per il pane possono avere diverse capacità di programma. A seconda della capacità, cambia anche il rendimento. Ci sono macchine che possono fare da 0,4 a 1,8 kg di pane, e in genere qualsiasi macchina impiega dai 5 ai 10 minuti di tempo per ottenere il pane. Per quanto riguarda la conservazione del pane, se conservato correttamente può durare anche fino a 5 giorni. E’consigliabile chiuderlo in un sacchetto di cotone o in un panno;
  • prezzo: varia a seconda del modello di macchina e dalla capacità. Si trovano modelli a partire da 55 euro fino a 180, ovviamente comprensivo di spese di spedizione eventuali, ricettario scritto in italiano, IVA, ecc;
  • black out elettronico: ci sono macchine del pane qualitativamente migliori che non interrompono la cottura nel caso in cui vada via per molto tempo la corrente elettrica. Se dovete acquistare una macchina per il pane, sceglietene una che abbia questo tipo di funzione;
  • numero dei programmi: ci sono macchine con 8 programmi, ed altre che ne hanno addirittura 20, ma questo non incide sulla qualità ed il rendimento del prodotto finale;
  • timer, che alcune macchine hanno in dotazione, è da considerarsi piuttosto un optional, che un elemento fondamentale;
  • motore: non è detto che una macchina dotata di un motore potente sia qualitativamente migliore di un’altra. Nella maggior parte dei casi è meglio una cottura piuttosto lenta e graduale;
  • pale: se la forma del pane è più grande di 1,2 Kg è consigliabile utilizzare una macchina che abbia due pale. Altrimenti può bastarne una sola;
  • pane per i celiaci: se si vuole ottenere questo tipo di pane, la macchina deve possedere le pale piuttosto alte, perché quelle basse non sono adatte a questo scopo.

Come fare il pane

In generale ogni macchina per il pane presenta un programma diviso per fasi, il cui risultato finale è l’ottenimento di una bella (e buona) forma di pane.
La panificazione presuppone le seguenti fasi:

  • nella prima fase gli ingredienti devono avere tutti la medesima temperatura. Si tratta di una sorta di”preriscaldamento” che dura 20 o 30 minuti;
  • in questa seconda fase (che potremmo chiamare dell’impastamento), si mescolano gli ingredienti, e poi si passa ad impastarli. Questa fase dura circa mezz’ora. Si può impostare la macchina in modo che ci avvisi con un segnale acustico quando è possibile aggiungere all’impasto altri ingredienti necessari come olive, mandorle, noci, cioccolato, ecc;
  • la terza fase consiste nella lievitazione, ed ha una durata massima di 90 minuti. La macchina del pane viene portata ad una temperatura più adatta, ma il consiglio è di mantenere il coperchio chiuso. Una lievitazione ottimale è data dalla giusta combinazione tra temperatura, umidità e tempo. Quindi è importante prestare attenzione a questi elementi, se si vuole ottenere un risultato soddisfacente;
  • la cottura, che rappresenta la quarta ed ultima fase, si realizza ad una temperatura di circa 180°. Questa fase può durare anche un’ora, dopo di che la macchina può spegnersi automaticamente, o avvisare tramite un segnale acustico che la cottura è terminata.

Un altro consiglio da seguire è quello di inserire gli ingredienti all’interno della macchina con un certo ordine, e non lasciati al caso. E cioè, partire dai liquidi, e poi aggiungere la farina. Poi ancora lo zucchero, il sale ed infine il lievito. Se invece abbiamo una certa fretta, possiamo anche mescolare gli ingredienti senza alcun ordine. Dopo che l’impasto si è avviato, si aggiunge il sale.

Il segreto di un buon pane è tutto nell’impasto, e nella sua consistenza. A volte i risultati cambiano se la giornata è troppo umida, oppure se la farina non è abbastanza fresca, o al contrario se lo è troppo! Controllate spesso l’impasto alzando il coperchio della macchina. Vi accorgete subito se la pasta è elastica e morbida, oppure lascia residui e si sbriciola.

Libri di ricette

Trovare la ricetta giusta, che sappia dosare gli ingredienti nel miglior modo, non è sempre facile. A volte è necessario provarne più di una, prima di scovare quella che ci fa ottenere un risultato soddisfacente.

Oltre al passaparola, e ai consigli della mamma e della nonna, possiamo aiutarci con qualche libro sull’argomento, che sia facile ed affidabile. Abbiamo qui disponibile qualche titolo, non vi resta che prenderne visione e cercarli in libreria o su Internet.

“Pane, i segreti del buon pane da fare e da gustare” di Fabbri Editore, è un bel libro, completo, ben rilegato, ricco di belle immagini. “Fare il pane in casa, con le ricette naturali di una volta” – Edizioni Giunti Demetra – è anche questo un libro molto completo, ma nelle ricette se c’è tanto strutto, ovviamente è da sconsigliare ai vegetariani! “Ricettario di pane, focacce, pizze, torte salate” di Gribaudo Edizioni.

Le ricette contenute all’interno sono molto varie e fantasiose, e potete scegliere quella che più vi piace e che vi incuriosisce di provare. E’ un libro molto facile e chiaro da consultare, adatto anche ai principianti e chi è alle prime armi nel campo della panificazione.

La De Agostini ha pubblicato “Il libro completo del pane”, un volume aggiornato e completo sulla lavorazione, la storia del pane, le migliori ricette. Forse è leggermente costoso, ma vale la pena avere in cucina un libro del genere. Se invece cercate un manuale senza pretese con le ricette base, le edizioni Laurus hanno pubblicato “Trenta ricette di pane”.

Per chi invece desidera una guida all’uso della macchina per il pane, c’è il libro di Lambert Marjie, delle edizioni Il Sole 24 Ore. L’autore non è italiano, di conseguenza il libro è stato tradotto, speriamo sia riuscito bene! Il libro si intitola: “Il pane fatto in casa. Più di 100 ricette per preparare pani squisiti con la macchina per il pane”. Buona lettura!

Ricetta consigliata

Vi proponiamo una ricetta per fare un ottimo pane utilizzando la macchina. Basterà seguire queste semplici indicazioni, ed il risultato vi sorprenderà!

Innanzitutto accendete la macchina, collegando la spina; togliendo il coperchio alla macchina, potete accedere al recipiente in cui si versano gli ingredienti e nel quale avviene la successiva cottura; riempite il suddetto recipiente con gli ingredienti, badando bene a seguire l’ordine indicato. Se volete il pane integrale, ecco come ottenere una forma di 750 gr, utilizzando la macchina della marca “Severin 3983″.

Procuratevi inoltre 500 gr di farina integrale, 280 cc di acqua (è preferibile quella minerale naturale, piuttosto che l’acqua comune del rubinetto), un cucchiaino di zucchero e sale, ed un cubetto di 25 gr di lievito naturale.

Il lievito è di fondamentale importanza perché serve ad ottenere un pane morbido e soffice al punto giusto, e quello naturale in cubetti va sbriciolato. Poi si va a scegliere il programma, ed in genere ognuno è abbinato alla relativa ricetta. Si può anche selezionare il formato del pane ed il livello di cottura (se la macchina lo consente). Premendo l’apposito tasto, si avvia la cottura.

Queste operazioni durano al massimo cinque minuti. Quando termina una fase e ne comincia un’altra la maggior parte delle macchine del pane ha dei segnali acustici che avvisano. Tra una fase e l’altra si possono aggiungere altri ingredienti, per esempio dei semi per decorare la superficie esterna. Ogni programma indica il tempo prestabilito per la cottura, basterà seguirlo e non ci dovrebbero essere problemi.

Prima di procedere alla cottura, se vi accorgete che l’impasto è troppo molle, o troppo grumoso o non è lievitato abbastanza, cercate di correggere tali errori.

Un consiglio: per ottenere un pane con la giusta cottura, dopo averlo fatto nella macchina per il pane, passatelo nel forno. Oltre tutto, è stato dimostrato che il forno assicura una migliore cottura e consuma di meno (soprattutto se è di classe A).

Marche

Se avete intenzione di acquistare la macchina per fare il pane, recatevi presso un centro specializzato, e fatevi consigliare dal personale addetto sulla scelta della marca migliore, ma soprattutto più affidabile. Eccovi di seguito alcuni modelli.

Del marchio Kenwood ci sono le macchine per il pane BM 250 e BM 350, entrambe qualitativamente ottime. Con questo tipo di macchina potete cuocere con facilità il pane in casa, e potete dare libero sfogo alla vostra fantasia, sfornando pane al sesamo, alle noci, al formaggio, e chi più ne ha più ne metta! Questa macchina è dotata di un rivestimento che protegge dai colpi e dalle cadute.

Poi c’è la macchina del pane Moulinex Home Bread Baguette OW 5003, una macchina che può cuocere fino a 1,5 Kg di pane, è ottima anche per cuocere le torte, possiede 14 programmi differenziati, tra cui quello per preparare deliziose baguette! Un’altra molto efficiente e curata nel design è la macchina per il pane Panasonic SD255WXE. La sua caratteristica principale è di essere poco ingombrante (perché compatta), e molto lineare nella funzionalità. I comandi sono frontali, e si può controllare tutto tramite il comodo display LCD.

Questa macchina dispone di ben 9 programmi e 5 opzioni. C’è anche la possibilità di scegliere la cottura rapida, quando si ha una particolare fretta. Se poi state cercando una macchina piccola, compatta, facile da usare e accessibile nel prezzo, allora vi consigliamo la macchina del pane V242 di Vibell, dotata di 5 programmi, lavabile in lavatrice, molto maneggevole. Solo che ha una capienza massima di 43 gr.

Poi ci sono le macchine del pane “Delonghi”. Si tratta di elettrodomestici di qualità, sicuri e affidabili. Il modello BDM 125S è fornito di 12 programmi automatici, ha una capacità massima di 1250 grammi, una serie di funzioni diverse, per preparare tartine ed altro. Dello stesso marchio ottima è anche la macchina BDM755S.


FacebookGoogle+TwitterEmail