Cuscino cervicale

In Salute
20 giugno, 2013

Il dolore alla cervicale è oggi molto diffuso, alcune cause sono lo stress e la postura sbagliata che provocano contratture e compressioni delle vertebre. Il cuscino cervicale può aiutare il collo a distendersi nel modo corretto, contribuendo alla risoluzione del problema.

Cuscino cervicale

Dolori alla cervicale

La colonna cervicale è l’ultima parte della colonna vertebrale, e cioè quella parte che ha la funzione di sostenere il collo e la testa e, nello stesso tempo, di renderli mobili. Essa è costituita da sette vertebre, le quali sono circondate da fasci muscolari e tendini, come ad esempio i muscoli del collo e alcuni muscoli dorsali. Si tratta di una parte delicata del corpo e bisogna dedicarle attenzione e non trascurarla, come spesso accade.

La salute del tratto cervicale, infatti, è molto importante, perché da questo dipende la possibilità di compiere movimenti rotatori della testa. Inoltre, avere dei problemi su quel tratto comporta non solo rigidità, ma anche dolore e fastidio durante la giornata e, soprattutto, durante il sonno.

Quasi tutti, almeno una volta, hanno sofferto di dolore alla cervicale. I sintomi sono vari e a volte può capitare di non capire immediatamente di cosa si tratti. Il dolore alla nuca e alla testa sono chiari sintomi di cervicale, ma potremmo avere sintomi come l’indolenzimento delle braccia, la nausea, i giramenti di testa. E allora bisogna indagare con il proprio medico, per capire se si tratti o no di questo problema.

Le cause del dolore possono essere di varia origine: colpi di freddo, traumi, postura non corretta, stress e riposo notturno con materassi o cuscini non idonei. Spesso i dolori alla cervicale sono dovuti a contratture dei muscoli del collo, che portano all’irrigidimento del collo stesso, con dolori che si irradiano dalla nuca fino alla testa, alle braccia e alle spalle.

Scegliere un cuscino che permetta di mantenere il tratto cervicale nella posizione corretta durante il sonno è fondamentale per mantenere questo tratto della colonna in salute e per riposare senza disturbi legati a contratture.

Tipologie

Il cuscino è studiato nella forma e nei materiali per alleggerire il carico che grava sulla cervicale, dando così sollievo al collo, alla testa e alle spalle. Ci sono vari tipi di cuscini, alcuni sono fatti per essere usati da distesi e altri adatti anche quando si è seduti. Nel caso dei cuscini da usare distesi, vogliamo ricordarvi che questi devono essere usati solo in posizione supina o fetale. La posizione a pancia in giù, infatti, costringe il collo a una torsione e quindi è sconsigliata in generale e, soprattutto, se si hanno problemi, anche lievi, di cervicale.

La maggior parte dei cuscini per la cervicale sono in lattice e possiamo trovarne di molte forme e modelli. Bisogna fare attenzione alla misura, in quanto il cuscino deve adattarsi perfettamente al nostro corpo per svolgere completamente la sua funzione e darci i benefici richiesti.

Vediamo quali sono le tipologie che troviamo principalmente sul mercato:

  • cuscino a forma cilindrica : questo tipo è, forse, il più conosciuto e usato. Esso va posizionato sotto la curva del collo, in modo da mantenere la curvatura e sostenere i muscoli, che possono così rilassarsi. Inoltre, mette le vertebre in leggera trazione e, in questo modo, il peso della schiena viene scaricato;
  • cuscino ergonomico: ha una forma sagomata che aiuta la circolazione. E’ piuttosto rigido, in modo da non deformarsi ed è studiato per correggere eventuali errori di postura che commettiamo durante il sonno, senza neanche accorgercene;
  • cuscino riscaldato: sfrutta i benefici del calore. Il calore aiuta a sciogliere le tensioni muscolari, favorisce la circolazione e dona una piacevole sensazione di relax;
  • cuscino elettrico: questo particolare tipo di cuscino, tramite un susseguirsi di vibrazioni elettriche, esegue un vero e proprio massaggio al tratto cervicale.

Materiali

Diciamo subito che i cuscini per la cervicale non sono particolarmente soffici. Essi devono posizionare il tratto cervicale nel giusto modo e, se fossero troppo morbidi, non potrebbero correggere e sostenere nello stesso tempo. Per questo motivo, i materiali scelti dalle case produttrici non sono mai troppo morbidi, che tendano a cedere o a deformarsi durante l’uso e a restare deformati dopo l’uso. Si tratta comunque di materiali elastici, ma non troppo.

Il più usato, ad oggi, sembra essere il lattice. Il lattice è un materiale naturale e ipoallergenico. Ha molte qualità, tra cui quella di essere traspirante e di non deformarsi nel tempo. Ultimamente si trovano sul mercato anche cuscini in materiale viscoelastico, ovvero un materiale che si adatta al corpo secondo il peso e la temperatura di questo, favorendo la ripartizione del carico e la circolazione sanguigna.

Il materiale Memory, inventato in origine dalla Nasa per il benessere degli astronauti, è un materiale che si modella con il calore corporeo favorendo la decontrazione dei muscoli e il relax.

Molto usati anche i cuscini con imbottitura in pula di farro. La pula è l’involucro che avvolge il chicco e viene usata anche per l’imbottitura dei materassi perché dona elasticità. Inoltre è un materiale che mantiene il cuscino fresco, evitando la sudorazione. E’ un materiale consigliato anche se si hanno problemi di allergia in quanto impedisce agli acari di formarsi.

Modelli da viaggio

Abbiamo pensato di dedicare uno spazio apposito al cuscino cervicale da viaggio, da utilizzare, appunto, durante lunghi viaggi. Questo perché è importante ricordare che la posizione che assumiamo durante lunghi viaggi in aereo, macchina o treno può essere non corretta, o semplicemente molto stressante per la zona cervicale.

Quante volte arriviamo a destinazione con un fastidioso torcicollo e con i muscoli indolenziti e doloranti! In molti casi basterebbe tenere a portata di mano uno di questi cuscini per risolvere il problema e viaggiare in assoluto relax, con la colonna nella giusta posizione e con un valido sostegno sotto la testa e il collo. Attualmente, esistono cucscini anche molto piccoli o arrotolabili, in caso avessimo poco spazio a disposizione.

Durante i lunghi viaggi, il collo viene tenuto in tensione e rimane nella stessa posizione per molto tempo: questo può portare ad un’infiammazione di tendini e muscoli, con conseguente dolore. Inoltre, molto spesso ci ritroviamo a viaggiare in vetture, in treni o in aerei che utilizzano l’aria condizionata: il getto di aria fredda può portare disagio al tratto cervicale, soprattutto se per un tempo prolungato. In questi casi ci viene in aiuto il cuscino da viaggio: tutti conosciamo questo cuscino dalla tipica forma a salvagente, che avvolge il collo e permette a tutta la zona di rilassarsi.

Per chi passa molte ore in macchina, esiste anche un altro tipo di cuscino da viaggio, del tutto simile ad uno normale, ma di dimensione più piccola. Ha un elastico che permette di legarlo al poggiatesta e aiuta il guidatore a mantenere una corretta postura mentre si è al volante.

Consigli sulla postura

Il cuscino cervicale ha una forma anatomica e serve a mantenere il collo in una posizione naturale durante il sonno, cioè in una posizione leggermente e naturalmente curvata in avanti. In questo modo, il tratto viene sostenuto e non sottoposto a nessun tipo di compressione o stress.

A volte, inavvertitamente assumiamo posizioni sbagliate, o ci abituiamo a sopportare la cervicale senza intervenire sulle cause. In questo modo però ci abituiamo a un fastidio che rischia di diventare cronico e, a lungo andare, di condizionarci la vita.

Per questi motivi, abbiamo selezionato una lista di semplici consigli per aiutarvi ad impostare comportamenti corretti in termini di postura; pochi consigli che, se seguiti, potranno contribuire a migliorare la vostra qualità della vita.

  • il primo consiglio è quello di iniziare a usare un cuscino cervicale. Vedrete che il beneficio sarà immediato. Se possibile, adoperatelo quando dormite, ma anche se dovete fare un lungo viaggio o se state leggendo in poltrona ed avvertite un fastidio;
  • sappiamo che leggere a letto per molti è un buon modo per rilassarsi e conciliare il sonno. Se avete quest’abitudine, ricordate però di non leggere per troppo tempo a letto in posizione scomoda, come ad esempio con il collo piegato in avanti;
  • non dormite a pancia in giù, soprattutto con un cuscino duro sotto la testa. Il capo, in questa posizione, è costretto ad un’eccessiva e non naturale torsione che porta problemi alla cervicale;
  • evitate di dormire con più di un cuscino sotto la testa;
  • prestate attenzione alla postura quando siete seduti al computer o mentre guidate. Dedicate un po’ di tempo a domandarvi se siete seduti in una posizione corretta e naturale. Se possibile, fate delle pause, alzatevi ogni tanto per sgranchirvi le gambe e stiracchiare la schiena;
  • nelle giornate fredde o ventose, indossate una sciarpa.
  • non indossate tacchi alti a lungo. I tacchi alti inducono la colonna ad assumere posizioni scorrette e incidono anche sul tratto cervicale. Il tacco consigliato ha un’altezza massima di 4 cm. Questo non vuol dire che dovete abbandonare i tacchi alti, ma solo che dovete portarli per brevi periodi.

Marche

I cuscini per la cervicale sono, ad oggi, molto diffusi. Questo perché si tratta di un problema che si presenta quotidianamente o sporadicamente nella vita di molte persone. Per questo motivo, sono molte le case che li producono, quindi sono facilmente reperibili. Diciamo che, per lo più, vengono prodotti dalle stesse ditte che producono i materassi, le quali sono esperte nelle problematiche legate alla qualità del sonno.

Però anche molte case farmaceutiche o specialistiche in ortopedia si sono organizzate per offrire ai propri clienti questo prodotto. Inoltre, cuscini elettrici riscaldati o massaggianti, vengono prodotti dalle maggiori marche di elettronica. Ma vediamo qualche esempio nel dettaglio.

Il cuscino Granriposo Pirelli, in lattice, è anallergico, anatomico, traspirante. In più non si deforma nel tempo e si può lavare in lavatrice. Dorelan ha ideato cuscini, come Balance e Shadow, con una speciale sagomatura. Tra le marche che potete trovare anche in farmacie e parafarmacie, Dr. Scholl propone un guanciale in materiale gel che si modella e favorisce la circolazione, anche grazie alla termoregolazione. I cuscini Tempur hanno una tecnologia messa a punto con l’aiuto dei fisioterapisti e hanno una doppia curva crea un corretto allineamento di testa, collo e spalle. Imetec ha creato una gamma di cuscini massaggianti, che vibrano oppure sono dotati di sfere rotanti. Alcuni di questi si riscaldano e tutti sono alimentati a batterie per permetterne l’uso anche in viaggio.


FacebookGoogle+TwitterEmail